Studio Legale Avv. Sirio Solidoro

RIAPERTI I TERMINI PER IL RICORSO SCORRIMENTO IDONEI CONCORSO 2016

RICORSO SCORRIMENTO IDONEI CONCORSO 2016

CLICCA QUI PER ADERIRE

Com’è noto, a seguito dell’ultimo concorso, il MIUR ha previsto che soltanto il 10% dei docenti idonei potrà essere assunto a tempo indeterminato. Viceversa, coloro i quali non rientrano nella predetta percentuale, rimarranno per sempre esclusi dalla possibilità di essere assunti, nonostante abbiano superato tutte le prove del Concorso. Ne deriva che la posizione dell’idoneo, che ha superato il concorso, ma non rientra nel tetto del 10%, è ingiustamente paragonata a quella di chi il concorso non l’ha superato. Da tale circostanza derivano una serie di illegittimità rilevanti sotto il profilo costituzionale per violazione degli artt. 1,2,3,4,97 Cost.

Invero, la vicenda degli idonei è sempre stata oggetto di tutela da parte della giurisprudenza amministrativa in considerazione del fatto che l’utilizzo del personale già selezionato risulta una pratica molto meno dispendiosa per il MIUR rispetto alla necessità di attivare un’altra procedura concorsuale per selezionare ex novo il corpo docente.

Le prescrizioni contenute nel bando sono volute dalla L. n. 107/2015 (c.d. Buona Scuola), ma, tale Legge, per altre e simili vicende – sempre riguardanti il comparto della Scuola – è già stata rimessa dal TAR alla Corte Costituzionale. Ne deriva che anche per la vicenda degli idonei verrà dunque richiesto al TAR che la predetta Legge venga rimessa al giudizio della Corte Costituzionale. Inoltre, a ben vedere, i propositi da cui è scaturito il tetto normativo del 10% sono diversi dalle circostanze che hanno realmente caratterizzato il Concorso del 2016. Nello specifico, non tutti i posti a livello nazionale sono stati coperti, con la conseguenza che in alcune regioni ci sono pochi vincitori mentre, in altre regioni, gli idonei non vengono assunti oltre al tetto del 10%. Da qui la necessità di chiedere, tra l’altro, l’utilizzo dei docenti idonei per la copertura dei posti rimasti vacanti. Lo scopo del ricorso è dunque quello di tutelare e conservare la posizione degli idonei, in modo da chiedere lo scorrimento delle graduatorie sino alla loro assunzione. Chiederemo perciò l’utilizzo dei docenti oltre il 10% sia a livello verticale e sia a livello interregionale, con derivante obbligo per gli USR di pubblicare anche le graduatorie dei docenti idonei oltre il 10%. Si tratta pertanto di un ricorso collettivo che coinvolge diversi ricorrenti idonei, ne deriva che gli atti del processo saranno disponibile per la sola visione con il giusto preavviso. Infine, chi vorrà fare valere eventuali circostanze personali (es disabilità, punteggio attribuito, etc) non dovrà seguire le presenti informazioni ma effettuare un ricorso individuale.

Cordiali Saluti

Avv. Sirio Solidoro

Ti è piaciuto questo aricolo? Sottoscrivi i feed RSS

  1. Buonasera, la graduatoria di merito della mia Classe di Concorso, svolto in Campania in quanto Regione designata per la Puglia, è stata pubblicata il 6/11/2016. Mi pare di capire che non è possibile per me aderire a questo ricorso e che ne verrà intrapreso un altro successivamente. Vorrei maggiori informazioni a riguardo.
    Cordiali saluti.

    Giulia Camardella

    Lecce, 17/12/2016

Commenta

La tua e-mail non sarà pubblicata.